Tosca Wiener Staatsoper

La passione dei due amanti è incorporato nella meravigliosa musica di Puccini ha descritto le cui vite e le speranze per il capriccio politico e la lussuria egoistica del brutale capo della polizia Scarpia essere distrutti.

Sinossi
Contesto storico
Vedi anche: Guerre rivoluzionarie francesi
 Una scena affollata di molti soldati e cavalli, e molto fumo. Alcuni soldati giacciono morti o feriti. In lontananza, al di là di una breve linea di alberi, è un campanile alto.
La battaglia di Marengo, come dipinto da Louis-François Lejeune
Secondo il libretto, l'azione di Tosca si verifica a Roma nel giugno 1800. Sardou, nel suo gioco, date più precisamente; La Tosca si svolge nel pomeriggio, sera, e la mattina presto del 17 e 18 giugno 1800.

L'Italia era stata a lungo divisa in una serie di piccoli Stati, con il Papa a Roma al governo dello Stato Pontificio nel centro Italia. Dopo la Rivoluzione francese, un esercito francese di Napoleone invase l'Italia nel 1796, entrando a Roma quasi incontrastato l'11 febbraio 1798 e il istituisce una repubblica lì. Questa repubblica è stata governata da sette consoli; nell'opera questo è l'ex ufficio di Angelotti, il cui carattere può essere basato sulla console vita reale Libero Angelucci. [18] Nel mese di settembre 1799 la Francia, che aveva protetto la repubblica, si ritirarono da Roma. [19] mentre uscivano , le truppe del Regno di Napoli, occuparono la città.

Nel maggio del 1800 Napoleone, ormai leader indiscusso della Francia, ha portato le sue truppe attraverso le Alpi in Italia, ancora una volta. Il 14 giugno il suo esercito ha incontrato le forze austriache nella battaglia di Marengo (in provincia di Alessandria). Truppe austriache erano inizialmente di successo; a metà mattina erano in controllo del campo di battaglia. Il loro comandante, Michael von Melas, inviato questa notizia sud verso Roma. Tuttavia, truppe fresche francesi sono arrivati ​​nel tardo pomeriggio, e Napoleone attaccarono gli Austriaci stanchi. Come Melas ritirò nel caos con i resti del suo esercito, ha inviato una seconda corriere sud con il messaggio di revisione. [21] I napoletani abbandonarono Roma, e la città ha trascorso i successivi quattordici anni sotto la dominazione francese.

Act 1
All'interno della chiesa di Sant'Andrea della Valle

La scena Te Deum che conclude atto 1; Scarpia sta a sinistra. Fotografia di una produzione prima del 1914 al vecchio Metropolitan Opera House di New York.
Cesare Angelotti, ex console della Repubblica Romana e ora un prigioniero politico evaso, corre in chiesa e si nasconde nella cappella privata Attavanti - la sorella, la marchesa Attavanti, ha lasciato una chiave per la cappella nascosta ai piedi della statua di la Madonna. Gli anziani sagrestano entra e inizia la pulizia. Il sagrestano si inginocchia in preghiera dell'Angelus suoni. Il pittore Mario Cavaradossi arriva di proseguire i lavori sulla sua immagine di Maria Maddalena. Il sagrestano identifica una somiglianza tra il ritratto e una donna bionda dai capelli che è stato in visita alla chiesa di recente (a lui sconosciuto, è la sorella di Angelotti marchesa). Cavaradossi descrive la "armonia nascosta" ("Recondita armonia") nel contrasto tra la bellezza bionda della sua pittura e la sua amante dai capelli scuri, la cantante Floria Tosca. Il sagrestano borbotta sua disapprovazione prima di partire.

Angelotti esce e dice a Cavaradossi, un vecchio amico che ha simpatie repubblicane, che viene perseguito dal capo della polizia, il barone Scarpia. Cavaradossi promette di aiutarlo dopo il tramonto. La voce di Tosca si sente, chiamando a Cavaradossi. Cavaradossi dà Angelotti suo cesto di cibo e Angelotti fretta torna al suo nascondiglio. Tosca entra e chiede sospettosamente Cavaradossi quello che ha fatto - lei pensa che lui ha parlato di un'altra donna. Cavaradossi la rassicura e Tosca cerca di convincerlo a portarla nella sua villa, quella sera: "Non la sospiri, La nostra casetta" ("Non la sospiri la nostra casetta"). Poi esprime gelosia per la donna del dipinto, che lei riconosce come la marchesa Attavanti. Cavaradossi spiega la somiglianza; egli ha semplicemente osservato la Marchesa in preghiera in chiesa. Lui rassicura Tosca della sua fedeltà e le chiede cosa occhi c'è di più bello di suo: "Qual'occhio al mondo" ("Che occhi del mondo"). Dopo Tosca ha lasciato, Angelotti riappare e discute con il pittore il suo piano di fuggire travestito da donna, con i vestiti lasciati nella cappella dalla sorella. Cavaradossi dà Angelotti una chiave della sua villa, suggerendo che si nascondono in un pozzo in disuso in giardino.

Il suono di un segnale di cannone che la fuga di Angelotti è stato scoperto. Lui e Cavaradossi affrettare fuori dalla chiesa. Il sagrestano rientra con coristi, che celebra la notizia che Napoleone è stato apparentemente sconfitto a Marengo. Le celebrazioni cessano bruscamente con l'ingresso di Scarpia, il suo scagnozzo Spoletta e diversi agenti di polizia. Hanno sentito che Angelotti ha cercato rifugio nella chiesa. Scarpia ordina una ricerca, e il paniere vuoto e un ventilatore che porta il cappotto Attavanti delle armi si trovano nella cappella. Scarpia interroga il sagrestano, e i suoi sospetti sono suscitato ulteriormente quando scopre che Cavaradossi è stato in chiesa; Scarpia diffida il pittore, e lo complici fuga di Angelotti crede. Quando Tosca arriva in cerca di suo amante, Scarpia suscita ad arte il suo istinto geloso implicando una relazione tra il pittore e la marchesa Attavanti. Si richiama l'attenzione di Tosca al ventilatore e suggerisce che qualcuno deve aver sorpreso gli amanti nella cappella. Tosca cade per il suo inganno; infuriato, si precipita a confrontarsi Cavaradossi. Ordini Scarpia Spoletta ed i suoi agenti di seguirla, assumendo li porterà a Cavaradossi e Angelotti. Lui gongola privatamente come rivela le sue intenzioni di possedere Tosca e Cavaradossi esecuzione. Una processione entra in chiesa cantando il Te Deum; esclamando 'Tosca, mi fai dimenticare anche Dio!', Scarpia si unisce al coro nella preghiera.

Act 2

L'appartamento di Scarpia a Palazzo Farnese, quella sera

Scarpia, a cena, invia una nota per Tosca chiedendole di venire nel suo appartamento. E 'stato in grado di trovare Angelotti, ma ha arrestato Cavaradossi. Mentre Cavaradossi viene portato in discussione e, la voce di Tosca, cantando una cantata celebrativa in un'altra stanza nel Palazzo, può essere ascoltato. Cavaradossi nega di sapere nulla della fuga di Angelotti. Tosca arriva, giusto in tempo per vedere il suo amante portato in un'anticamera da torturato. Egli è in grado di parlare brevemente con lei, dicendole di non dire nulla. Tosca è raccontata da Scarpia che può salvare il suo amante dal dolore indescrivibile se rivela il nascondiglio di Angelotti. Lei resiste, ma sentendo le grida di Cavaradossi di dolore, alla fine dice a Scarpia che Angelotti è nel pozzo nel giardino della villa di Cavaradossi.

Scarpia ordina la tortura di Cavaradossi a cessare e il pittore feriti è riportato in. Si riprende coscienza e, di apprendimento del tradimento di Tosca, è furioso con lei. Sciarrone, un agente di polizia, entra con la notizia della vittoria di Napoleone a Marengo; Cavaradossi gongola, raccontando Scarpia che la sua regola del terrore sarà presto al termine, prima di essere trascinato via dagli uomini di Scarpia. Scarpia, sinistra con Tosca, propone un affare: se lei si dà a lui, Cavaradossi sarà liberato. Lei è ribellò, e rifiuta ripetutamente le sue avances. Fuori sente i tamburi che annunciano l'esecuzione; come Scarpia attende la sua decisione, si prega Dio per chiedere aiuto, chiedendo perché Egli l'ha abbandonata: "Vissi d'arte" ("Ho vissuto per l'arte"). Scarpia rimane irremovibile nonostante le sue suppliche. Quando Spoletta porta la notizia che Angelotti si è ucciso, e che tutto è a posto per l'esecuzione di Cavaradossi, Tosca, in preda alla disperazione, si impegna a presentare al Scarpia in cambio della libertà di Cavaradossi. Scarpia dice il suo vice Spoletta di organizzare una finta esecuzione, sia ricordando che sarà "come abbiamo fatto con il conte Palmieri".

Dopo la partenza di Spoletta, Tosca impone l'ulteriore condizione che Scarpia forniscono un salvacondotto di Roma per se stessa e il suo amante. Mentre è la firma del documento, Tosca prende tranquillamente un coltello da tavola per la cena. Come Scarpia abbraccia trionfante, lei lo pugnala, gridando "questo è il bacio di Tosca!". Come Scarpia cade morto, dichiara che ora lo perdona. Si toglie il salvacondotto dalla tasca, accende le candele in un gesto di pietà e pone un crocifisso sul corpo prima di partire.

Act 3
Le parti superiori del Castel Sant'Angelo, la mattina seguente

Panorama romano mostra, centro, un ponte ad arco sopra un fiume con un edificio a cupola in lontananza. A destra del ponte è una grande fortezza circolare.

Un pastorello canta (in dialetto romanesco) "Io de 'sospiri" ("Io do sospira"), come le campane della chiesa suonano mattutino. Cavaradossi è guidato in da guardie e informato che ha un'ora per vivere. Si rifiuta di vedere un prete, ma chiede il permesso di scrivere una lettera a Tosca. Inizia a scrivere, ma è presto sopraffatto dai ricordi: "E lucevan le stelle" ("E lucevan le stelle"). Tosca entra e gli mostra il salvacondotto. Lei gli dice che lei ha ucciso Scarpia e che l'imminente esecuzione è una farsa: Cavaradossi deve fingere la morte, ma in seguito si può lasciare Roma insieme, prima che il corpo di Scarpia viene scoperto. Cavaradossi è stupito il coraggio dimostrato da una gara d'appalto in modo dolce e: "O dolci mani" ("Oh dolci mani"). La coppia pianificare estaticamente la vita vivranno lontano da Roma. Tosca allora incarica ansiosamente Cavaradossi su come giocare la sua parte nella finta esecuzione convincente. Lei gli dice che sarà girato a salve dal plotone di esecuzione e gli insegna a cadere come morta. Lui accetta di agire "come Tosca al teatro".

Cavaradossi viene portato via, e Tosca guarda con crescente impazienza, come l'esecuzione è preparato. Il fuoco gli uomini, Cavaradossi cade, e Tosca esclama "Ecco UN artista!" ("Che un attore!"). Quando i soldati hanno lasciato, si affretta verso Cavaradossi, solo per scoprire che è morto; Scarpia l'ha tradita. Heartbroken, si stringe il suo corpo senza vita e piange. Le voci di Spoletta, Sciarrone e soldati sono sentito, che indica che il corpo di Scarpia è stato trovato, e che Tosca è noto per l'abbiano ucciso. Come Spoletta, Sciarrone e soldati accorrono, Tosca si alza, sfugge loro grinfie, e corre verso il parapetto. Piangere "O Scarpia, Avanti un Dio!" ("O Scarpia, incontriamo davanti a Dio!"), Lei si getta sopra il bordo per la sua morte.

Programma e cast

Acquista biglietti
Novembre 2019 Next
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
Galleria fotografica

Opera di Stato di Vienna

Trasporti pubblici

Linee della metropolitana : U1 , U2 , U4
Tram : 1 , 2 , D , J , 62 , 65
Autobus : 59A
Stazione locale: Badner Bahn
Soste: Karlsplatz / Opera

Le fermate dei taxi sono disponibili nelle vicinanze.

Parcheggio

Il parcheggio è di soli € 6, - per otto ore !
La Wiener Staatsoper e la ÖPARK Kärntner Ring Garage su Mahlerstraße 8 , sotto il " Ringstraßengalerien " , offrono i patroni della Vienna State Opera una nuova , ridotta parcheggio . È possibile parcheggiare nel Kärntner Ring Garage per un massimo di 8 ore e pagare solo un forfait di € 6, - . Basta convalidare il biglietto presso una delle macchine di sconto all'interno della Wiener Staatsoper . Verrà addebitata la tariffa normale per il tempo di parcheggio superiore a 8 ore. Le macchine di convalida possono essere trovate presso i seguenti controlli cappotto : Operngasse , Herbert von Karajan - Platz , e le gallerie destra e sinistra e balcone .

Importante : per ottenere lo sconto , si prega di disegnare un biglietto e non usare la carta di credito quando si entra in garage!

Dopo la svalutazione il tuo biglietto in Wiener Staatsoper è possibile pagare comodamente con carta di credito o in contanti presso i distributori automatici .

Le macchine accettano monete e banconote fino a 50 - . Euro . Tempo di parcheggio più di 8 ore verrà applicata la tariffa normale.

 

Storia

 

La struttura del teatro è stata progettata dall'architetto viennese August Sicard von Sicardsburg , mentre l'interno è stato progettato da decoratore d'interni Eduard van der NULL. E 'stato anche influenzato da altri artisti importanti come Moritz von Schwind , che dipinse gli affreschi nel foyer , e il famoso ciclo di affreschi sulla veranda " Zauberflöten " ( " Flauto Magico" ). Nessuno dei due architetti è sopravvissuto per vedere l'apertura del ' loro' casa opera: il sensibile van der Nüll suicida , e il suo amico Sicardsburg morì d'infarto poco dopo .

Il 25 maggio 1869, il teatro ha aperto solennemente di Mozart DON GIOVANNI alla presenza dell'imperatore Francesco Giuseppe e dell'imperatrice Elisabetta .
La popolarità del palazzo è cresciuto sotto l'influenza artistica dei primi direttori : Franz von Dingelstedt , Johann Herbeck , Franz Jauner , e Wilhelm Jahn . L'opera Vienna conosciuto il suo primo punto alto sotto la direzione di Gustav Mahler . Ha completamente trasformato le prestazioni del sistema obsoleto , ha aumentato la precisione e la tempistica delle prestazioni , e anche utilizzato l'esperienza di altri artisti degni di nota , come ad esempio Alfred Roller , per la formazione di una nuova estetica stadio .

Gli anni 1938-1945 sono stati un capitolo buio nella storia del teatro . Sotto il nazismo , molti membri della casa furono cacciati , perseguito, e uccisi , e molti lavori non sono stati autorizzati per essere giocato .

Il 12 marzo 1945, il teatro fu devastata durante un bombardamento , ma il 1 ° maggio 1945, la " Opera di Stato nel Volksoper " ha aperto con una performance di Mozart LE NOZZE DI FIGARO . Il 6 ottobre 1945, i " Teatri an der Wien " in fretta restaurati riaperti con il Fidelio di Beethoven . Per i prossimi dieci anni, la Staatsoper di Vienna operato in due sedi , mentre il vero quartier generale era stato ricostruito a una grande spesa

Il Segretario di Stato per i lavori pubblici , Julius Raab , annunciata il 24 maggio 1945 , che la ricostruzione del Teatro dell'Opera di Vienna dovrebbe iniziare immediatamente . Solo la facciata principale , lo scalone e il Schwind Foyer erano stati risparmiati dalle bombe . Il 5 novembre 1955 il Teatro dell'Opera di Vienna ha riaperto con un nuovo auditorium e tecnologia modernizzato . Sotto la direzione di Karl Böhm , Fidelio di Beethoven è stato brillantemente eseguito , e le cerimonie di apertura sono stati trasmessi dalla televisione austriaca. Il mondo intero capito che la vita cominciava di nuovo per questo paese che aveva appena riacquistato la sua indipendenza .

Oggi, il Teatro dell'Opera di Vienna è considerato uno dei più importanti teatri lirici del mondo, in particolare, è la casa con la più grande repertorio . E 'stato sotto la direzione di Dominique Meyer, dal 1 settembre 2010 .

© Bwag/Commons
©
Eventi correlati